3' grezzi Ep. 418 Copiare a scuola

3' grezzi Ep. 418 Copiare a scuola
22 de feb. de 2023 · 3m

Le nuove tecnologie fanno sempre paura. Quello a cui non si pensa è che anche gli strumenti che noi oggi diamo per scontati (anzi, per scontatissimi!) un tempo erano visti...

mostra más
Le nuove tecnologie fanno sempre paura. Quello a cui non si pensa è che anche gli strumenti che noi oggi diamo per scontati (anzi, per scontatissimi!) un tempo erano visti come strumenti per la diffusione di ignoranza e di falsità. Prendiamo la scrittura, ad esempio.

LINK:
Socrate e la scrittura https://www.filosofemme.it/2018/11/23/il-mito-di-theuth/
Chat Gtp https://chat.openai.com

TRASCRIZIONE [ENG translation below]
Queste nuove tecnologie stanno rovinando i giovani, impediscono ai giovani di imparare, di riflettere, di usare la loro mente. E infatti con queste nuove tecnologie i giovani ripetono semplicemente senza capire quello che viene detto. Non solo, ma poi le nuove tecnologie contribuiscono anche a diffondere idee false, idee nocive per la società che poi vengono utilizzate per manipolare l'opinione pubblica.

Questo non è sicuramente il mio pensiero è il pensiero di un famoso filosofo che si lamenta per le nuove tecnologie, e non è un filosofo contemporaneo, ma è Socrate, un filosofo che è vissuto nel V secolo avanti Cristo.

Perché vi ho raccontato queste cose? Per dimostrare come tutte le tecnologie nuove, che a noi sembrano nuove, nel futuro saranno vecchie tecnologie. Infatti la tecnologia della quale si lamentava Socrate era la scrittura. Socrate diceva ora che c'è la scrittura, gli studenti non dovranno più imparare niente a memoria, ma avranno tutto pronto, basterà solo leggere, troppo comodo così.

Queste stesse accuse vengono rivolte di volta in volta alle nuove tecnologie che aiuterebbero gli studenti soprattutto a copiare in classe, perché questa sembra essere l'unica preoccupazione degli adulti, che gli studenti poi possano copiare in classe.

Nel mirino delle accuse ultimamente, se non avete vissuto su Marte negli ultimi mesi, avrete sicuramente sentito parlare dell'intelligenza artificiale generativa Chat GTP, che è un nuovo tipo di intelligenza artificiale che, a differenza delle altre disponibili fino a poco tempo fa, può fare affidamento su una quantità di dati immensa e quindi può creare delle frasi molto più complesse, anche che rispecchiano molto di più il modo di ragionare di noi umani.

Però, ripeto, è sempre una questione di punti di vista e di prospettiva, perché noi tutti usiamo degli elementi di intelligenza artificiale che però ci siamo così abituati che neanche pensiamo che siano intelligenza artificiale. Pensate un po' quando andate a cercare qualcosa su Google ormai non bisogna più scrivere tutta la frase, ma Google completa le frasi che noi scriviamo, noi scriviamo qual è la cosa più... booom! e ci mette due, tre, quattro, cinque cose tra quelle più ricercate. Lo stesso correttore di ortografia, lo spell checker, è una cosa che ormai viene usato da tutti automaticamente quando si usa qualsiasi documento Word.

Quindi, mettiamo le cose in prospettiva, le tecnologie nuove faranno sempre paura, bisogna trovare nuovi modi per utilizzarle. Chiaro che se continuano a chiedere data di nascita e di morte di Garibaldi tutti potranno copiare tranquillamente. Sforziamoci un po' di più.



TRANSLATION
These new technologies are ruining young people, preventing young people from learning, from reflecting, from using their mind. And in fact with these new technologies young people simply repeat without understanding what is being said. Not only that, but new technologies also contribute to spreading false ideas, ideas harmful to society which are then used to manipulate public opinion.

This is definitely not my opinion, it is the opinion of a famous philosopher who complains about new technologies, and it is not a contemporary philosopher, but it is Socrates, a philosopher who lived in the fifth century BCE. Why am I telling you these things? To demonstrate how all new technologies, which seem new to us, will be old technologies in the future.

In fact, the technology Socrates complained about was writing. Socrates thought that with writing students will no longer have to memorize anything, but they will have everything ready, it will be enough just to read, which is too convenient.

These same accusations are made from time to time to new technologies that - above all - would help students cheating in class, because this seems to be the only concern of adults, that students can then cheat in class.

In the crosshairs of allegations lately, if you haven't lived on Mars in recent months, you've surely heard of the Chat GTP generative artificial intelligence, which is a new type of artificial intelligence that, unlike the others available until recently, can relying on an immense amount of data and therefore can create much more complex sentences, which reflect more closely the way we humans think.

However, as I said, it is always a question of points of view and perspective, because we all use elements of artificial intelligence which, we are so used to have that we don't even think of them as artificial intelligence. Think about when you go looking for something on Google, you no longer need to write the whole sentence, but Google completes the sentences we write, we write 'what is the most...' and booom! and it puts in two, three, four, five things among the most often searched. The same spell checker, is something that is now used by everyone automatically when using any Word document. So, let's put things into perspective, new technologies will always be scary, you have to find new ways to use them. Of course, if they continue to ask for Garibaldi's date of birth and death, everyone will be able to cheat easily. Let's try a little harder.
mostra menos
Información
Autor M. Cristina Marras
Página web -
Etiquetas

Parece que no tienes ningún episodio activo

Echa un ojo al catálogo de Spreaker para descubrir nuevos contenidos.

Actual

Parece que no tienes ningún episodio en cola

Echa un ojo al catálogo de Spreaker para descubrir nuevos contenidos.

Siguiente

Portada del episodio Portada del episodio

Cuánto silencio hay aquí...

¡Es hora de descubrir nuevos episodios!

Descubre
Tu librería
Busca