• NELLA SUA GRANDE CASA IL SIGNORE CONOSCE QUELLI CHE SONO SUOI

    7 ABR. 2024 · NELLA SUA GRANDE CASA IL SIGNORE CONOSCE QUELLI CHE SONO SUOI Ricorda loro queste cose, scongiurandoli davanti a Dio che non facciano dispute di parole; esse non servono a niente e conducono alla rovina chi le ascolta.  Sfòrzati di presentare te stesso davanti a Dio come un uomo approvato, un operaio che non abbia di che vergognarsi, che tagli rettamente la parola della verità.  Ma evita le chiacchiere profane, perché quelli che le fanno avanzano sempre più nell'empietà  e la loro parola andrà rodendo come fa la cancrena; tra questi sono Imeneo e Fileto,  uomini che hanno deviato dalla verità, dicendo che la risurrezione è già avvenuta, e sovvertono la fede di alcuni.  Tuttavia il solido fondamento di Dio rimane fermo, portando questo sigillo: «IL SIGNORE CONOSCE QUELLI CHE SONO SUOI», e: «Si ritragga dall'iniquità chiunque pronuncia il nome del Signore».   In una grande casa non ci sono soltanto vasi d'oro e d'argento, ma anche vasi di legno e di terra; e gli uni sono destinati a un uso nobile e gli altri a un uso ignobile.  Se dunque uno si conserva puro da quelle cose, sarà un vaso nobile, santificato, utile al servizio del padrone, preparato per ogni opera buona. (2Timoteo 2:14-21)
    13m 11s
  • FRATELLI NON SIATE MOLTI A FARVI MAESTRI POICHE SBAGLIAMO IN MOLTE COSE

    31 MAR. 2024 · FRATELLI NON SIATE MOLTI A FARVI MAESTRI POICHE SBAGLIAMO MOLTE COSE "Fratelli miei, non siate molti a fare da maestri, sapendo che ne riceveremo un più severo giudizio.  Poiché tutti sbagliamo in molte cose. Se uno non sbaglia nel parlare, è un uomo perfetto, capace di tenere a freno anche tutto il corpo.  Se mettiamo il morso in bocca ai cavalli perché ci ubbidiscano, noi guidiamo anche tutto quanto il loro corpo. Ecco, anche le navi, benché siano così grandi e siano sospinte da venti impetuosi, sono dirette da un piccolissimo timone, dovunque vuole il timoniere.  Così anche la lingua è un piccolo membro e si vanta di grandi cose. Vedete un piccolo fuoco, che grande foresta incendia!  Anche la lingua è un fuoco, è il mondo dell'ingiustizia. Posta com'è fra le nostre membra, contamina tutto il corpo, infiamma il corso della vita ed è infiammata dalla geenna.  Ogni sorta di bestie e di uccelli, di rettili e di animali marini si doma, ed è stata domata dalla razza umana,  ma la lingua nessun uomo la può domare: è un male senza posa, è piena di veleno mortale.  Con essa benediciamo il Signore e Padre e con essa malediciamo gli uomini che sono fatti a somiglianza di Dio.  Dalla medesima bocca procede benedizione e maledizione.  Fratelli miei, non dev'essere così. La fonte getta forse dalla medesima apertura il dolce e l'amaro?  Può, fratelli miei, un fico fare olive o una vite fichi? Neppure una fonte salata può dare acqua dolce." (Giacomo 3:1-12)
    11m 16s
  • L'ALBERO CATTIVO NON PUO' FARE FRUTTI BUONI E DUNQUE NON PREDICA LA VERITA'!!

    17 MAR. 2024 · L'ALBERO CATTIVO NON PUO' FARE FRUTTI BUONI E DUNQUE NON PREDICA LA VERITA'!! Sopra un soggetto così vitale come quello della salvazione, Gesù doveva premunire i suoi uditori contro false direzioni e false guide, e conseguentemente egli aggiunge subito un avvertimento a tale uopo. Egli allude probabilmente in primo luogo agli Scribi ed ai Farisei che «sedevano nella cattedra di Mosè» , e godevano della fiducia del popolo; ma il suo principale oggetto certamente era di far noto ai suoi uditori che i predicatori di «cose piacevoli» , i veri successori dei falsi profeti dell'antichità, sarebbero numerosi anche nel suo regno. Siccome la funzione degli antichi profeti consisteva non solo nell'annunziare gli avvenimenti futuri, ma pure nell'insegnare il popolo nel nome del Signore, e siccome l'ufficio di profeta esisteva ancora nella Chiesa primitiva ; ; , il nome di «falsi profeti» conviene perfettamente a quelli ai quali nostro Signore l'applica in questo passo, Il Signore mette in opposizione i sentimenti dei loro cuori colla loro apparenza. Essi sono realmente l'opposto di quel che sembrano essere, rapaci, perfidi, ingannatori, ed intenti a divorare il gregge per i loro propri fini. Come i lupi sbranano e divorano il gregge» e, così questi sono i più crudeli nemici dei cristiani, e li rovinerebbero, se loro fosse possibile. Noi dobbiamo stare in guardia contro quelli che insegnano la falsità e l'errore. È una falsa carità l'essere indifferenti in una materia così vitale. Gesù previene una domanda che poteva nascere nei cuori dei suoi uditori» Come potremo noi distinguere i veri profeti dai falsi» indicando la pietra di paragone, colla quale essi dovevano provarli. V'ha qui un subitaneo cambiamento di figura, dai lupi rapaci e dalle inermi pecore, al mondo vegetale co' suoi alberi fruttiferi, e le sue piante inutili; e come noi stimiamo il valore o la inutilità delle piante dai frutti che esse producono, così Gesù dice ai suoi uditori, i quali hanno da fare con coloro che professano di essere maestri nella sua Chiesa: «li riconoscerete dai frutti loro». I frutti consistono nella condotta, e nel modo di vivere degli uomini, e non nelle loro dottrine, come pretendono molti interpreti antichi, ed alcuni moderni. Queste corrispondono all'albero stesso, mentre che i loro effetti pratici corrispondono al frutto dell'albero. Quanto differente è l'insegnamento di Gesù su questo punto da quello di alcuni cosidetti ministri e i suoi collaboratori, che inculca una cieca ubbidienza al ministro (capo setta), in virtù del suo ufficio, senza alcun riguardo al carattere dell'uomo! Il diritto del popolo cristiano di giudicare il carattere di coloro che professano di essere maestri nella Chiesa di Cristo è qui non solamente concesso, ma stabilito dal Capo stesso della Chiesa: ed è confermato da Giovanni in queste parole: «Diletti, non crediate ad ogni spirito, ma provate gli spiriti per sapere, se sono da Dio» ecc. . Ad illustrare il suo dire, Gesù fa appello alla loro propria esperienza: La parola mai congiunge il contenuto di questi versetti colla prima parte del vers. 16 «Voi li conoscerete dai frutti loro». La legge immutabile del mondo naturale è espressa in questi versetti sotto forme differenti; nel primo, affermativamente; nell'ultimo, negativamente, e la stessa legge governa pure il mondo morale, poiché Cristo dice: «L'uomo buono dal buon tesoro del cuore trae fuori cose buone; e l'uomo malvagio, dal suo malvagio tesoro trae fuori cose malvagie» . Per quanto chiara sia la verità espressa in queste ultime parole, che cioè le disposizioni del cuore determinano le azioni della vita, niuno che sappia come alcuni fanno  merito delle azioni, senza punto tenere conto dei motivi che le hanno suggerite, e come la stessa tendenza si manifesta di quando in quando fra i cristiani evangelici, potrà crederla tanto chiara, che non ci sia bisogno d'insistervi.. (Ho tratto questa descrizione dal sito laparola.net , apportando alcune modifiche per adattarlo al testo , che a mio parere era in armonia a quello che avevo nel cuore.https://www.laparola.net/testo.php) Emanuele Michelino, la voce del podcast: "UNA VOCE CHE GRIDA NEL DESERTO"
    14m 46s
  • ATTENTI AD USCIRE DAL CORPO DI CRISTO !!

    10 MAR. 2024 · ATTENTI AD USCIRE DAL CORPO DI CRISTO !! Poiché, come il corpo è uno e ha molte membra e tutte le membra del corpo, benché siano molte, formano un unico corpo, così è anche di Cristo.  Infatti noi tutti siamo stati battezzati da un unico Spirito in un unico corpo, Giudei e Greci, schiavi e liberi; e tutti siamo stati abbeverati di un unico Spirito.  Infatti il corpo non si compone di un membro solo, ma di molte membra."(1Corinzi 12:12-14) L' apostolo Paolo , nonostante i problemi e le divisioni che cerano all'interno della chiesa di Corinto, l'esorto ad essere unito ricordandogli che essi erano tante membri che formavano un unico corpo, cioè la Chiesa; e non solo universalmente, ma anche in senso comunitario. Fratelli e sorelle nel Signore, NON PERMETTETE A VOI STESSI, E AD ALTRI, A USCIRE DAL CORPO CRISTO, non uscite dalle vostre comunità evangeliche che nonostante i problemi che ci possono essere, ma secondo la misura di grazia e di fede e intedimento che Dio dà, insegnano la sana dottrina.  Vi esorto nel amore di Dio Padre e del nostro Signore e salvatore Gesù Cristo , che ci unisce nella comunione dello Spirito Santo, e secondo esperienza vissuta. Emanuele Michelino, la voce del podcast "UNA VOCE CHE GRIDA NEL DESERTO"
    13m 36s
  • IL RIPOSO DI DIO E COME ENTRARCI

    3 MAR. 2024 · IL RIPOSO DI DIO E COME ENTRARCI "Rimane dunque un riposo di sabato per il popolo di Dio poiché chi è entrato nel suo riposo si riposa anch'egli dalle proprie opere, come Dio si riposò dalle sue. Sforziamoci dunque di entrare in quel riposo, affinché nessuno cada seguendo lo stesso esempio di disubbidienza." (Ebrei 4:9-11) Quall'è quest' esempio di disubbidienza che non dobbiamo cadere ? Quello di non voler ossevare il giorno del sabato come giorno del Signore, o qualcos'altro ? Cosa insegnare la Sacra Scrittura?
    10m 28s
  • NON AVETE VOI LETTO NELLA LEGGE CHE I GIORNI DI SABATO I SACERDOTI VIOLANO IL SABATO

    25 FEB. 2024 · NON AVETE VOI LETTO NELLA LEGGE CHE I GIORNI DI SABATO I SACERDOTI VIOLANO IL SABATO "In quel tempo Gesù passò in giorno di sabato per i seminati; i suoi discepoli ebbero fame e si misero a strappare delle spighe e a mangiare. I farisei, visto ciò, gli dissero: “Ecco, i tuoi discepoli fanno quello che non è lecito fare in giorno di sabato”. Ma egli disse loro: “Non avete voi letto quello che fece Davide quando ebbe fame, egli e coloro che erano con lui? Come egli entrò nella casa di Dio e come mangiarono i pani di presentazione che non era lecito mangiare né a lui, né a quelli che erano con lui, ma ai soli sacerdoti? Ovvero, non avete voi letto nella legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio violano il sabato e non ne sono colpevoli? Ora io vi dico che c'è qui qualcosa di più grande del tempio. E se sapeste che cosa significhi: 'Voglio misericordia e non sacrificio', voi non avreste condannato gli innocenti, perché il Figlio dell'uomo è Signore del sabato”." (Matteo 12:1-8)
    11m 47s
  • POICHE' E' PARSO BENE ALLO SPIRITO SANTO E A NOI DI NON IMPORVI ALTRO PESO

    11 FEB. 2024 · POICHE' E' PARSO BENE ALLO SPIRITO SANTO E A NOI DI NON IMPORVI ALTRO PESO Nel cosidetto concillio di Gerusalemme descritto in Atti 15:1-29, viene discusso la questione a riguardo di alcuni e in particolare quelli della setta dei farisei che avevano creduto, che i Gentili per essere salvati dovevano farsi circoncidere secondo il rito di Mosè. (Atti 15:1,5) Ma dopo le testimonianze dell' apostolo Pietro e di Paolo e Barnaba, ma sopratutto con l'intervento di Giacomo, che giudicò di non turbare i Gentili che si erano convertiti al Signore, ma di scrivergli alla chiesa di Antiochia, di "astenersi dalle cose contaminate nei sacrifici agli idoli, dalla fornicazione, dalle cose soffocate e dal sangue. Poiché Mosè, fin dalle antiche generazioni, ha chi lo predica in ogni città, essendo letto nelle sinagoghe ogni sabato”. (Atti 15:19-21) Come è scritto nella Parola di Dio, che parve bene agli apostoli e agli anziani e anche allo Spirito Santo di non imporre altro peso "tranne queste cose, che sono necessarie: che vi asteniate dalle cose sacrificate agli idoli, dal sangue, dalle cose soffocate e dalla fornicazione, dalle quali cose farete bene a guardarvi. State sani”." (Atti 15:28-29) . Dunque la Scrittura, la Parola di Dio, ci insegna che tra queste cose necessarie, ("astenersi dalle cose contaminate nei sacrifici agli idoli, dalla fornicazione, dalle cose soffocate e dal sangue.) non c'è scritto di OSSERVARE IL SABATO, e questo è stato approvato, dagli apostoli e anziani, E TUTTA LA CHIESA, che erano GIUDEI, e ALLO SPIRITO SANTO, che i Gentili di quel tempo e a noi conteporanei. In questo mio ultimo podcast ho voluto nuovamente, secondo la misura di grazia che il Signore mi ha dato, parlavi di questo. Non volgio che voi ignorate, e che nessuno vi seduca con vani ragionamenti. Emanuele MIchelino, la voce del podcast "UNA VOCE CHE GRIDA NEL DESERTO"
    11m 2s
  • SONO L' OMBRA DI COSE CHE DOVEVANO AVVENIRE

    4 FEB. 2024 · SONO L' OMBRA DI COSE CHE DOVEVANO AVVENIRE ".....NESSUNO dunque vi GIUDICHI quanto al mangiare o al bere, o rispetto a feste, noviluni o a SABATI, che SONO, L' OMBRA DI COSE CHE DOVEVANO AVVENIRE ma il corpo è di Cristo. Nessuno vi privi del vostro premio a suo piacimento per via d'umiltà e di culto degli angeli, affidandosi alle proprie visioni, gonfio di vanità dalla sua mente carnale, e non attenendosi al Capo, dal quale tutto il corpo, ben fornito e congiunto insieme per via delle giunture e articolazioni, progredisce nella crescita voluta da Dio. Se siete morti con Cristo agli elementi del mondo, perché, come se viveste nel mondo, vi lasciate imporre dei precetti, quali: “Non toccare, non assaggiare, non maneggiare” (tutte cose destinate a sparire con l'uso), secondo i comandamenti e le dottrine degli uomini? Quelle cose hanno, è vero, una parvenza di sapienza per quel tanto che è in esse di culto volontario, di umiltà e di austerità nel trattare il corpo, ma non hanno alcun valore e servono soltanto a soddisfare la carne." (Colossesi 2:17-23). Questo mio ultimo podcast (e anche in altri a Dio piacendo) spiego secondo la misura di grazia che il Signore Dio mi ha dato, e secondo la sua Parola la Bibbia, che non bisogna giudicare e lasciarsi imporre di celebrare, come in questo caso, il SABATO come il GIORNO DEL RIPOSO CHE IL SIGNORE CI HA DATO. Non volgio che voi ignorate, e che nessuno vi seduca con vani ragionamenti. Emanuele Michelino.
    15m 6s
  • RICORDATI DEL GIORNO DEL RIPOSO PER SANTIFICARLO

    28 ENE. 2024 · RICORDATI DEL GIORNO DEL RIPOSO PER SANTIFICARLO "Ricordati del giorno del riposo per santificarlo." (Esodo 20:8) Il Signore l'Iddio quando diede i dieci comandamenti al popolo d'Israele, gli ordinò di ricordarsi di questo giorno e di santificarlo, cioè dovevano astenersi di lavorare, e dedicarlo al riposo come Egli stesso l'Eterno aveva fatto dopo i sei giorni della creazione del mondo. Questo giorno per gli ebrei come ancora oggi è il sabato, ma per i cristiani del primo secolo dopo la resurezione del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo, divento il primo giorno della settimana, e cioè la domenica, come infatti è scritto: "[Ora Gesù, essendo risuscitato la mattina del primo giorno della settimana, apparve prima a Maria Maddalena, dalla quale aveva scacciato sette demòni." (Marco 16:9) "Il primo giorno della settimana, mentre eravamo radunati per rompere il pane, Paolo, dovendo partire il giorno seguente, si mise a ragionare con loro e prolungò il suo discorso fino a mezzanotte." (Atti 20:7) E anche noi cristiani odierni offriamo il nostro culto al Signore insieme ai nostri fratelli, la domenica nelle nostre comunità o nelle case.....
    7m 38s
  • PARTECIPE INSIEME AGLI ALTRI

    7 ENE. 2024 · PARTECIPE INSIEME AGLI ALTRI Anche in questa puntata, ho voluto parlavi che non può esistere UN SOLO MINISTRO DEL'EVANGELO che il Signore Gesù Cristo ha chiamato oggi a predicare il Vangelo , ma come scrisse l'apostolo Paolo nella sua seconda lettera ai Corinzi al capitolo 9 al verso 23: "E faccio tutto per l'evangelo, al fine di esserne partecipe insieme con altri." (1Corinzi 9:23) L'apostolo Paolo partecipava insieme ad altri, e non SOLO LUI, a predicare a tutti il messaggio dell' Evangelo, e quindi DIFFIDATEVI E ALLONTANETEVI da certuni ministri e suoi collaboratori che vi ILLUDONO con i loro vani discorsi che solo loro in ITALIA o peggio in TUTTO IL MONDO predicano l' Evangelo e la sana dottrina. E dunque tutti quanti noi che siamo membra del Corpo di Cristo, e "infatti il corpo non si compone di un membro solo, ma di molte membra." (1Corinzi 12:14), e tutti noi partecipiamo insieme nell' opera del Signore, secondo la misura di fede e di grazia che Gesù Cristo ci ha donato per edificazione e per il bene comune della SUA Chiesa, di cui è Capo il suo Figliolo Gesù Cristo. (Romani 12:3; Efesini 4:7) Egli ci come è scritto nella Scrittura: "Ma ora Dio ha collocato ciascun membro nel corpo, come ha voluto. 19 Se tutte le membra fossero un unico membro, dove sarebbe il corpo? Invece ci sono molte membra, ma c'è un unico corpo;"(1Corinzi 12:18-20). Che Dio ci benedica tutti. Amen Emanuele Michelino
    8m 54s

Pace a tutti voi fratelli e sorelle nel Signore. Io sono Emanuele Michelino, e secondo la grazia che il Signore mi dà di fare condividerò con voi delle esortazioni, tratte...

mostra más
Pace a tutti voi fratelli e sorelle nel Signore.

Io sono Emanuele Michelino, e secondo la grazia che il Signore mi dà di fare condividerò con voi delle esortazioni, tratte dalla Parola di Dio la Bibbia, affinchè possiate ricevere incoraggiamento in questa corsa che ci è posta dinanzi fino ad arrivare al traguardo nel regno dei cieli che abbiamo ereditato in Cristo Gesù.


https://www.youtube.com/channel/UCx0DnDMi9ia5N3DOmBM6VeA

https://www.facebook.com/profile.php?id=100019505194614
mostra menos
Contactos
Información

Parece que no tienes ningún episodio activo

Echa un ojo al catálogo de Spreaker para descubrir nuevos contenidos.

Actual

Parece que no tienes ningún episodio en cola

Echa un ojo al catálogo de Spreaker para descubrir nuevos contenidos.

Siguiente

Portada del episodio Portada del episodio

Cuánto silencio hay aquí...

¡Es hora de descubrir nuevos episodios!

Descubre
Tu librería
Busca